Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2018

Folio.net - Pearson: Narrazione e Digital Storytelling nella Didattica

Immagine
Folio.net è la rivista digitale pubblicata nel portale del sito Pearson, dedicata al mondo della scuola, della didattica dell'italiano e della ricerca educativa. Il numero 1, dell'anno 5 è in parte dedicato alla narrazione e al suo utilizzo nella didattica
Gli Articoli Allo storytelling sono dedicato tre articoli:
1.Laboratorio di storytelling autobiografico, Valeria Bruni e Renato Pegoraro propongono un percorso centrato sulla narrazione autobiografica così articolato: articolo introduttivo, in vengono precisati obiettivi e finalità del laboratorio, 4 articoli specifici, ognuno dedicato a uno dei 4 incontri previsti in classe.  2. C'era una volta un bit, Gianfranco Marini, affronta il tema della narrazione digitale nella didattica della scuola secondaria di secondo grado e mira ad esaminare i meccanismi della narrazione e il suo valore sul piano didattico
3. Storytelling e digital storytelling, Andrea Piccione, affronta il tema dello storytellig nella didattica della scu…

Radio 3 - Io dico l'universo - 450 anni con Galileo. 18 puntate in formato MP3 sullo scienziato pisano

Immagine
Io dico L’universo” è un programma radiofonico di Radio 3 andato in onda nel 2014 in occasione dei 450 anni dalla nascita di Galileo Galilei. Il programma è di Gabriella Caramore e Rossella Panarese. 
Il Programma Si tratta di 18 puntate ciascuna della durata di 44 minuti circa e pensate come “conversazioni” che prendono spunto da un luogo significativo nella sua vita. Dal luogo prende il via  il racconto che mira anche a ricollegare la vita, l’opera e la ricerca di Galileo con le tematiche del mondo di oggi.  Nel corso delle puntate si intrecciano a quella di Galileo tante storie, la narrazione è portata avanti da tante voci di scienziati, storici, filosofi, scrittori, etc. Una risorsa interessante e che può essere impiegata in u approccio didattico transdisciplinare in quanto coinvolge: fisica, letteratura, storia, filosofia, scienze, etc.

Creare video didattici con TED Ed Lesson

Immagine
Un ottimo video tutorial su TED Ed lesson realizzato da Laura Carlotta Foschi. Si tratta di un tutorial chiaro, completo e che offre una guida passo per passo alla creazione di video didattici tramite lo strumento messo a disposizione gratuitamente da TED Ed per creare lezioni.

Scheda Video Autore: Laura Carlotta Foschi Titolo: Come realizzare una risorsa educativa con TED-Ed Data Pubblicazione: 3/10/2017 Durata: 11:16
Link Diretto: Come realizzare una risorsa educativa con TED-Eds
TED Ed Lesson TED Ed lesson consente di rendere educativamente fruibili i milioni di video presenti in rete, costruendo attorno ad essi un contesto didattico che ne trasforma la visione in un'esperienza formativa. In questo modo si ottengono due importanti risultati:
si colmano, almeno parzialmente i limiti della comunicazione digitale che non consente un confronto dialogico efficace come può accadere in presenzapermette al docente di adattare il video alla specifica situazione didattica dei propri studenti, i…

Barry Schwartz: Il paradosso della scelta - The paradox of choice

Immagine
Lo psicologo Barry Schwartz, specializzato nello studio del rapporto tra economia e psicologia, in questa conferenza del luglio del 2005, discute su un tema che è un vero è proprio mito della civiltà occidentale: la libertà di scelta. La tesi di Schwartz è che la possibilità di scegliere liberamente non ci rende necessariamente né più liberi, né più felici, producendo un effetto paralizzante e insoddisfazione
Interessante e divertente, in stile Ted, il modo in cui Schwartz mostra i limiti di una concezione ingenua e dogmatica della libertà e i paradossi della libertà di scegliere, specie quando: siamo posti di fronte a troppe opzioni di scelta, non riusciamo a scegliere in modo che ci soddisfi;consideriamo i costi opportunità: l'insoddisfazione derivante dall'attrattiva per le opzioni di scelta cui abbiamo rinunciatola spirale crescente delle aspettative prodotta dalla molteplicità delle scelte. Con troppe scelte le aspettative non sono mai soddisfate perché è sempre possibile…

Lindsay Ann Learning: 7 strumenti web per supportare discussioni online - 7 Free Online Discussion Tools - Educational Blog

Immagine
Un post di Lindsay Ann intitolato "7 Free Online Discussion Tools" e pubblicato sul suo blog il 25/09/2017. Il post nasce dalla concreta esigenza di rendere l'esperienza formativa online maggiormente interattiva e dialogica al fine di superare uno dei limiti principali dell'online learning rispetto alla didattica in presenza: la difficoltà di interagire comunicativamente in tempo reale.  Nel post vengono anche proposti quelli che devono essere i criteri cui una discussione educativa online dovrebbe conformarsi: regole e aspettative chiare;strutturata e focalizzata;centrata - guidata dallo studentefondata sui contenuti (radicata nel testo) perché utilizzare strumenti per la discussione? Gli strumenti proposti sono abbastanza noti e possono essere utilizzati sia in situazioni in cui la comunicazione si sviluppa interamente online, ma anche in situazioni in cui si comunica in presenza e, tuttavia, o per l'elevato numero di persone che formano l'uditorio, o perché…

Pierfranco Ravotto - video lezione: Giochi e didattica per un'educazione ludica

Immagine
Il gioco è una cosa seria Una interessante video lezione di Pierfranco Ravotto dedicata all'educazione ludica e all'utilizzo del "gioco" nei processi di apprendimento e insegnamento.  Serious game, Game Based Learning, Gamification, Edutainment, etc. sono espressioni che sempre più spesso si trovano nel dibattito sulla didattica e che focalizzano un importante questione: "il rapporto tra gioco e apprendimento e la possibilità di utilizzare il gioco anche nell'apprendimento scolastico"
Link diretto: Giochi e didattica


Scheda Video Autore: Pierfranco Ravotto  Titolo: giochi e didattica  Data Pubblicazione: 12/11/2017  Durata: 17:48
Giochi e didattica Intento principale della lezione di Pierfranco Ravotto è quello di introdurre alla "didattica basata sul gioco" e a una "educazione ludica". Tale espressione può infatti produrre insoddisfazione o un atteggiamento di rifiuto, che nasce da una concezione dell'apprendimento come istruzione, att…

Andrea Maiello - sicurezza e privacy: modificare le impostazioni di Google my activity

Immagine
In questo periodo la censura sta riuscendo a conseguire, in nome di una falsa concezione della libertà e della sicurezza, il risultato di far calare un burka digitale su internet: sicurezza, privacy, GDPR e altri provvedimenti inutili e fastidiosi, come l'avviso "questo sito utilizza i cookie". Il risultato è che l'attività dei docenti e degli studenti viene gravemente ostacolata, se non resa impossibile, da una marea montante di burocrazia. Sarà sempre più difficile vedere le attività scolastiche pubblicate sul web, insegnare agli studenti a gestire la propria identità digitale, far si che essi abbiano come palcoscenico il mondo e si confrontino con esso.  Visi oscurati, liberatorie sempre più arzigogolate, siti di classe da oscurare, è il trionfo dell'idiozia burocratica dei ceti dirigenti europei e italiani. 
Google My Activity
Se invece vi interessa davvero la sicurezza e la privacy, la sola strada da perseguire è quella dell'educazione. Un contributo in …

Mario Castoldi: Il paradigma CSSC Learning - Apprendimento costruttivo, autoregolato, situato e collaborativo

Immagine
Intervento di Mario Castoldi su DeA scuola intitolato "Verso un apprendimento CSSC"  che illustra sinteticamente il modello del CSSC Learning in cui si delinea un approccio all'apprendimento fondato su un paradigma che valorizza alcuni dei principali contributi della ricerca pedagogica contemporanea, dal cognitivismo al costruttivismo, da Vygotskiy a Leont'ev, da Bruner a Lewin, fino ad arrivare a Joanassen.
CSSC Learning CSSC è un acronimo che sta per Construcitive, Self- regulated, Situated, Collaborative. Nel suo intervento, Castoldi definisce ciascuno di questi tratti caratteristici e fornisce un'introduzione alla conoscenza di questo modello di apprendimento che, per la sua ricchezza, si presta a diverse modalità di implementazione nella pratica didattica attraverso metodologie e approcci che vanno dallo storytelling alla didattica per competenze, dal pensiero autobiografico all'apprendimento cooperativo, da un approccio dialogico a uno induttivo. 
Apprend…

Apprendimento significativo mediato dalla tecnologie | Rivista Scuola IaD - Jonassen e il paradigma socio - costruttivista

Immagine
Un lungo articolo di Barbara Bevilacqua pubblicato su Rivista Scuola IaD, n° 4, 2011 e intitolato Apprendimento significativo mediato dalle tecnologie
Il Problema L'articolo affronta un problema fondamentale e che è al centro anche dell'attuale dibattito sul rapporto tra formazione e tecnologie e riforma della scuola e dell'apprendimento: com'è possibile avvalersi delle tecnologie digitali intese come strumenti per lo sviluppo dell'apprendimento e della conoscenza per sviluppare la competenza dell'imparare ad imparare fondamento della piena cittadinanza
La Linea di Ricerca La soluzione di questo problema chiama in causa diversi livelli di indagine:  l'apprendimento deve essere centrato sullo studente e coinvolgere tutte le dimensioni della sua personalità (emotiva, cognitiva, conoscitiva, affettiva, etc.) ambienti di apprendimento: devono essere strutturati in modo da rendere possibile un apprendimento attivo e riflessivo, basato su processi di costruzion…

Silvia Bellia: Nigel Warburton: il filosofo del web

Immagine
Presentazione e intervista a Nigel Warburton a cura di Silvia Bellia per la rubrica Cosa leggono i filosofi, pubblicata su Ho un libro in testa il 30/01/2017, il titolo è: Nigel Warburton: il filosofo del web.
Nigel Warburton Molto attivo sul web, Nigel Warburton è noto per le sue opere di divulgazione filosofica tra cui spiccano: Il primo libro di filosofia e Breve storia della filosofia. Presentando questo autore Silvia Bellia mette in evidenza due punti essenziali: la capacità di Warburton di dare concretezza al discorso filosofico che nasce da esigenze reali, prima fra tutte la necessità di capire confrontandosi con il passato;L'esigenza di chiarezza nel ragionare e nel divulgare secondo il principio di Searle: «if you can’t say it clearly, you don’t understand it yourself»: «se non posso esporre qualcosa con chiarezza, non posso nemmeno comprenderla io stesso» Altro aspetto interessante è il rapporto tra filosofia e web. Warburton cura un sito web dedicato alla filosofia: Virt…

Simona Ilot - video tutorial su Kahoot Challenge, giocare in differita i quizzes

Immagine
In questo interessante video tutorial Simona Ilot spiega come si utilizzi la nuova modalità di gioco dei quizzes proposta da Kahoot: Challange.  Con Challenge possiamo rendere un quiz giocabile in differita tramite dispositivi mobili. Questo consente agli studenti di giocare allo stesso quizzes sfidando i compagni a distanza tramite il loro smartphone. Il gioco sarà attivo per il tempo che abbiamo impostato (10 ore, un giorno, etc.) e per il resto non differisce dalla modalità standard (tutti nella stessa aula e in tempo reale).
Utilità Con questa nuova funzionalità possiamo assegnare lo svolgimento di un quiz come un "compito per casa" che risulterà però molto più coinvolgente rispetto a un compito tradizionale, perché la modalità di esecuzione è quella di un gioco in cui ci si sfida con i compagni. 
Link diretto al video: Kahoot Challenge NEW

Scheda Video Autore: Simona Ilot Titolo: Kahoot Challenge NEW Data Pubblicazione: 19/11/2017 Durata: 7:48

Il testo unico fascista e l'educazione all'obbedienza

Immagine
Un post pubblicato su Fractaliaspei il 14/07/2016 e intitolato Il testo unico fascista (1929 - 1943), in cui viene ricordata la mostra sui Libri fascisti per la scuola organizzata nel 2001 dalla Casa della Resistenza di Fondotoce, centro storico multimediale e polivalente che offre servizi didattico - culturali e divulgativi per trasmettere la memoria collettiva legata alla lotta di liberazione e ai suoi valori.
A commento di questa mostra era uscito un articolo piuttosto interessante di Gianmaria Ottolini dedicato all'introduzione del testo unico di Stato nel 1929 e pubblicato su Nuova Resistenza Unita, n. 11 dicembre 2001. L'articolo viene riproposto nel post.


La didattica del testo unico e la Mistica fascista Nell'articolo viene presentata la mostra e si cerca di offrire una sintetica panoramica della funzione e dei valori dell'educazione e della concezione della didattica proprie del fascismo. sintesi  La Mistica fascista come costituisce un omogeneo e coerente sis…

Giovanni Zagni: La storia della timeline: la rappresentazione grafica del tempo, dalla tabella alla linea del tempo - Linkiesta

Immagine
Un articolo di Giovanni Zagni pubblicato si Linkiesta il 21/12/2014, titolo è "La storia delle timeline - mettere le date in fila, e gli eventi sotto, è un'invenzione recente: ha meno di 250 anni. E prima?". Il tema è affascinante: la ricostruzione della storia delle rappresentazioni grafiche del tempo e l'origine delle linee del tempo, che attualmente costituiscono la forma dominante di rappresentazione di questo. 
Cartografia del Tempo L'articolo prende spunto dal saggio di Anthony Grafton e Daniel Rosenberg, pubblicato nel 2010, tradotto in Italia da Einaudi, 2012, con il titolo Cartografie del tempo. In breve questo il contenuto dell'articolo.  La forma dominante di rappresentazione grafica del tempo è stata, a partire da Eusebio di Cesarea, la tabella. Insieme a questa ci soon state altre complesse forme grafiche, delle vere e proprie infografiche:  La statua, che riprende la statua sognata da Nabucodonosor nel libro di Daniele (Anatomia statuae Danielis …

Alberto De Bernardi - lectio magistralis: Dalla Resistenza alla Costituzione

Immagine
Lectio magistralis di Alberto De Bernardi tenutasi a Genova il 26/03/2015 dal titolo “Dalla resistenza alla costituzione”. Si tratta di una delle lezioni di un ciclo che ripercorre la storia italiana tra il 1915 e il 1945. Il tema del ciclo di lezioni di storia contemporanea è “1915 - 1945 dalla grande guerra al 25 aprile” ed è organizzato dall’ILSREC - Istituto Ligure per la storia della resistenza e dell’età contemporanea. 
Alberto De Bernardi Alberto De Bernardi è uno specialista di Storia contemporanea. È professore ordinario all'Università di Bologna dove insegna storia globale. Si è occupato prevalentemente di storia sociale, fascismo e antifascismo, Italia repubblicana. Autore di numerosi studi e di un manuale per la scuola secondaria superiore scritto insieme a Scipione Guarracino: La Discussione storica. 
La Lezione Interessante il punto di partenza dell'intervento di De Bernardi che è costituito dal problema: che nesso intercorre tra Resistenza e Costituzione repubbli…

Marco Paolini - "Ausmerzen, vite indegne di essere vissute" - Il video

Immagine
Video dello spettacolo di Marco PaoliniAusmerzen, vite indegne di essere vissute, che racconta lo sterminio dei bambini disabili voluto dal regime nazista e progettato e realizzato in segreto prima della guerra in base al progetto denominato Aktion T4, a partire dal 1938, per dare attuazione all'eugenetica nazista e al progetto di rifondare la razza ariana eliminando dal suo interno le "impurità", coloro che "non erano degni di vivere".  Il video dura circa 45 minuti e non riproduce l'intero spettacolo, ma una versione ridotta, corredata da didascalie e pensata per offrire una "lezione" su cosa fosse il programma eugenetico nazista e l'ideologia che vi stava dietro. 
Il video è pubblicato sul canale YouTube di Barbara Gallesio. Questo il link diretto al video: Ausmerzen versione ridotta

Sul canale Vimeo di Danyuji è possibile è possibile vedere la versione completa dello spettacolo. Link diretto alla versione completa di Ausmerzen

Ausmerzen vi…

Andrea Maiello: Announcify, sintesi vocale pagine web - Molto utile specie per alunne/i DSA - free

Immagine
Una utile segnalazione di Andrea Maiello che in questo video recensisce Announcify, una estensione per Google Chrome che consente di realizzare la sintesi vocale delle pagine web. Si tratta di un'applicazione particolarmente utile per gli studenti DSA. Esiste anche la versione per dispositivi mobili  con sistema operativo Android. Estremamente semplice da utilizzare e free. 
La video presentazione Nel video viene spiegato: Cosa sia AnnouncifyCome installarlo e configurarloCome utilizzarlo una volta installatoEsempio Link diretto al video tutorial: Announcify

Scheda Video Autore: Andrea Maiello Titolo: Announcify Data Pubblicazione: 5/10/2017 Durata: 2:29

Le Video Interviste Immaginarie ai filosofi - Editrice La Scuola

Immagine
Una Playlist pubblicata sul canale Youtube di "Editrice La Scuola" intitolata "Le interviste immaginarie" e formata da 67 "interviste impossibili" ai principali filosofi della storia della cultura europea.  Si tratta di video interviste molto brevi, dai 3 ai 9 minuti con qualche eccezione, recitate da un attore che interpreta il "filosofo" che viene intervistato da una voce fuori campo. I testi del dialogo sono tratti dagli scritti dei più importanti filosofi e storici della filosofia italiani, per esempio: Cartesio, intervista sulla res extensa, Tullio GregorySpinoza, intervista su Le passioni, Remo Bodei Vico, Grozio e Spinoza, Vincenzo VitielloKant, intervista su Critica della ragion pratica, Sebastiano Maffettone  Si tratta di una risorsa interessante che fornisce materiali per approfondimenti, ripassi dei contenuti del programma del triennio dei licei. Interessante anche la possibilità di utilizzare queste video interviste impossibili come …

Reclipped, nuove funzionalità - annotare, organizzare e condividere parti di video

Immagine
Reclipped è un'applicazione web concepita per lavorare sui video al fine di creare un archivio online di video appunti. Lo scopo di Reclipped è quello di conservare e archiviare ordinatamente tutti quegli spezzoni video che ci interessano aggiungendo appunti, note e commenti e condividendoli con chi vogliamo.  Reclipped permette infatti di ritagliare la parte di un video che vogliamo conservare e archiviarla assegnandole un titolo e dei tag o parole chiave.  Reclipped è cloud, non richiede di scaricare i video, è molto semplice e rapido da utilizzare e può lavorare con le seguenti piattaforma video: Youtube, Youtube Gaming, Vimeo, Dailymotion, Coursera, edX, MIT OCW, Khan Academy, TED Ed.
Reclippedoffre bookmarklet che si possono installare nei browser (Chrome, Opera, Safari, Firefox) e ne agevolano l'uso rendendo più rapide le operazioni di annotazione dei video.
Come funziona Reclipped Reclipped, dopo un fase beta di avvio,è ora utilizzabile con nuove funzionalità che lo rendono…

Philographics: rappresentazione grafica di teorie e concetti filosofici

Immagine
Genis Carreras è un giovane grafico spagnolo che ha ideato Philographics, un progetto che ha come obiettivo quello di coniugare disegno e filosofia, fornendo una rappresentazione grafica delle principali teorie e concetti della filosofia. Il risultato è costituito da una serie di 95 disegni.
Poster, Libro e Cartoline Il formato grafico originario immaginato da Genis Carrera è quello di un poster contente un disegno che rappresenta un movimento, teoria o concetto filosofico e comprendente una didascalia di 32 parole che descrivono sinteticamente la teoria raffigurata. Questo sono alcuni esempi che consentono di avere un'idea di come il progetto Philographics ha preso forma


Il progetto era limitato alla creazione di 24 poster, in seguito, grazia a una campagna di crowdfunding, il progetto è stato ampliato fino a comprendere 95 illustrazioni, una sorta di vocabolario illustrato storico - filosofico. In questo modo al poster si sono aggiunti: un libro: che presenta i disegni a tutta pag…

Webroom: chat room testuale e vocale - recensione e video tutorial

Immagine
Webroom è un servizio gratuito che permette di avviare discussioni online attraverso la creazione di stanze virtuali - Chat Room. È un servizio cloud che funziona tramite qualsiasi browser e non richiede registrazione. È sufficiente indicare il proprio nome e un indirizzo email per poter creare una stanza virtuale e invitare gli altri partecipanti.
Funzionalità Oltre a una chat testuale, Webroom offre altre funzionalità: uso della webcamchat vocalechat testualelavagna virtuale interattiva su cui disegnarecondivisione di filepossibile anche la condivisione dello schermoreport finale inviato via email. Nella video guida Luca Raina presenta questa applicazione, mentre Iolanda Caponata spiega come utilizzarne le funzionalità.

Scheda Video Autore: Luca Raina, Iolanda Caponata Titolo: App per prof #68 WEBROOM (Stanze virtuali) Data Pubblicazione: 23/10/2017 Durata: 4:30
Sembra un servizio estremamente utile e da testare per un uso didattico come recupero, potenziamento, videoconferenze, video riu…

Treccani Scuola: Playlist di FILOSOFIA - 240 video didattici di filosofia

Immagine
Nel canale YouTube di Treccani Scuola si possono trovare varie Playlist dedicate alle diverse discipline: fisica, latino, storia dell'arte, matematica, etc.  Tra queste è reperibile anche una playlist intitolata FILOSOFIA, che contiene ben 240 video. 

La Playlist di Filosofia Si tratta di video molto brevi, la durata è infatti compresa tra 1 e 2 minuti. Si possono trovare video relativi a tutti i principali autori e le più importanti tematiche della storia della filosofia. Si tratta di una risorsa estremamente utile sia per fornire agli studenti materiali relativi al lessico filosofico e alle problematiche della disciplina, sia come materiali cui attingere per creare video quizzes o video commentati o da inserire in documenti multimediali più complessi.

Pietro Alotto: nuove tecnologie e didattica

Immagine
Un interessante articolo di Pietro Alotto sul tema dell'utilizzo nella didattica delle Nuove Tecnologie dal titolo "Il valore aggiunto delle Nuove Tecnologie nell'insegnamento".  La domanda posta da Pietro Alotto è: "Le ICT (Information and Communication Technology) sono necessarie o solo utili per la didattica?" Si tratta di un tema, a mio avviso, cruciale in questa fase di implementazione delle tecnologie digitali nella didattica. Il sospetto è che, in molti casi, si stiano sostituendo le tecnologie alla didattica nel nome di una ideologia del digitale che vede questo come panacea di ogni male e fondamento di una rivoluzione del "fare scuola" che vede la scuola "buona" solo se "digitale" e definisce una identità professionale del docente in cui il buon docente è tale sole se "docente digitale". Anche le modalità con cui si mira a diffondere una "cultura digitale" per l'insegnamento e l'apprendimen…

Aureoo: applicazione web per creare mappe interattive e dinamiche

Immagine
Cos'è? Aureoo è un'applicazione che permette di creare mappe dinamiche e interattive tramite cui raccogliere elementi e risorse del web che vanno a costituire i nodi della mappe, nodi che possono essere collegati tra loro tramite relazioni, conferendo alla mappa un ordine preciso. L'uso è estremamente semplice, l'applicazione è disponibile in italiano, i risultati sono molto belli e si tratta di uno strumento ideale per la cura dei contenuti, la realizzazione di ambienti di apprendimento, archivi di risorse, etc. Particolarmente indicata per un utilizzo educativo che voglia integrare l'apprendimento in presenza e l'apprendimento online come nel caso del Blended Learning.
A Cosa Serve? Aureoo nella pratica educativa può essere un valido supporto all'utilizzo del web in modalità Blended in quanto permette di realizzare ambienti di apprendimento aggregando risorse tematiche e organizzandole in una mappa per condividerle con gli studenti. Meglio ancora si possono …

Le migliori app per studiare

Immagine
Le "10+ migliori app per studiare" è un post molto utile comparso sul blog "Gli audaci della memoria" e dedicato a segnalare applicazioni per dispositivi mobili che possano essere d'aiuto nello studio agli studenti delle scuole superiori e universitari. Autore del post è Raffaele Lisisco, collaboratore del blog abitualmente curato da Armando Elle. Le app prese in considerazione sono quelle per dispositivi iOS e Android. Alte caratteristiche della app segnalate sono: estremamente semplici da usare sono free o costano pochi euro
Il Problema Il post prende le mosse dalla situazione di estrema confusione in cui ci si viene a trovare quanto si decida di utilizzare Table e Smartphone per supportare la propria attività di studio. Le applicazioni presenti sono infatti migliaia e questo porta al rischio di: non scegliere nulla;scegliere troppo;scegliere male. Le app proposte non sono dedicate a specifici esami universitari o particolari argomenti disciplinari, ma si trat…